Caldaie a doppia condensazione: cosa sono e come funzionano

Categories: Caldaie Riscaldamento

La caldaia a condensazione rappresenta la soluzione ideale per chi vuole ridurre i consumi e avere bollette più leggere, tali vantaggi sono da ricercare, rispetto a una caldaia tradizionale, nel diverso sistema di recupero del calore dei fumi di combustione.

La caldaia tradizionale utilizza solo una parte del calore latente che viene generato dalla combustione del gas, poiché il resto viene disperso sotto forma di calore acqueo nell’aria tramite il camino.

La caldaia a condensazione, invece, recupera tutto il calore presente nei fumi di scarico e nel vapore acqueo e lo trasforma in energia, questo permette di avere a disposizione una fonte energetica di supplemento che viene generalmente persa con una caldaia tradizionale.

Ma se la caldaia a condensazione si distingue per una maggiore efficienza rispetto a quella tradizionale, garantendo un risparmio energetico interessante, la caldaia a doppia condensazione fa molto di più, riducendo ulteriormente i costi di riscaldamento.

Caldaia a doppia condensazione, come funziona?

La caldaia a doppia condensazione, grazie alla presenza di un doppio circuito, recupera il calore latente dei fumi sia quando riscalda l’acqua a bassa temperatura che quando produce acqua calda sanitaria.

L’efficienza della caldaia doppia condensazione, quindi, si basa su una tecnologia costruttiva che oltre a sfruttare il principio di condensazione per il riscaldamento, sfrutta quello per il riscaldamento dell’acqua sanitaria.

Questa tipologia di caldaia è un po’ una novità recente sul mercato italiano e, rappresenta il meglio della tecnologia attualmente disponibile per il riscaldamento domestico.

Il funzionamento della caldaia a doppia condensazione è abbastanza chiaro: i fumi di scarico escono dall’abitazione a una temperatura più bassa e buona parte del calore che viene generato resta all’interno dell’impianto.

Questo vuol dire che il calore, invece di diventare uno scarto, si trasforma in energia utile per esempio, alla produzione di acqua calda sanitaria, senza la necessità di dover usare un altro combustibile.

Qual è il risparmio che si ottiene con una caldaia a doppia condensazione?

Premettiamo che con una caldaia a condensazione si può ottenere un risparmio energetico medio fino al 35% di una caldaia tradizionale.

Questa percentuale arriva a superare il 50% nel caso in cui sia presente il sistema di doppia condensazione per la produzione di acqua sanitaria.

È abbastanza chiaro che la doppia condensazione porti risparmio, sia in termini di consumo energetico che di combustibile, permettendo di ridurre al minimo lo spreco di calore per indirizzarlo verso la produzione di altre fonti importanti come l’acqua calda.

I vantaggi dello scegliere una caldaia a doppia condensazione

I vantaggi di una caldaia a doppia condensazione sono numerosi e si riflettono su diversi aspetti che, vanno dall’installazione dell’impianto fino all’ottimizzazione del rendimento e dei consumi.

La caldaia a doppia condensazione, grazie al doppio circuito, ha pochi componenti essenziali, non necessita di valvola deviatrice con servomotore o 2° circolatore, scambiatore piastre, pressostato aria e altri componenti, favorendo un risparmio economico importante sui consumi elettrici.

Diminuiscono i consumi di gas grazie alla continua condensazione, inoltre, e si hanno risparmi di elettricità, poiché la scheda elettronica presente all’interno di questa tipologia di caldaia disalimenta il circolatore mentre viene prodotta l’acqua calda sanitaria in modo da non produrre consumi mentre è in standby.

Ulteriore vantaggio è la possibilità di avere sempre l’acqua calda sanitaria disponibile, anche quando il circuito è vuoto, guasto o in manutenzione.

Infine, in termini di risparmio, la caldaia a doppia condensazione produce acqua calda con un rendimento del 106%, ben + 8% rispetto alla tradizionale caldaia.

Cosa sapere prima di acquistare una nuova caldaia: la normativa

Se la vecchia caldaia non funziona più e si ha necessità di provvedere alla sostituzione, è bene sapere che la caldaia a condensazione (anche doppia), oltre ad essere la migliore tecnologia è anche una scelta obbligata.

La normativa europea del 2015 (D.p.r. 59/2009,DLGs 28/2012 del 26 Settembre 2015), ha vietato la produzione di caldaie tradizionali per motivi legati al rispetto dell’ambiente, con l’obiettivo di ridurre i consumi di risorse, importare meno e limitare le emissioni di anidride carbonica e polveri nell’aria.

Inoltre, sempre in base alle normative vigenti, le caldaie devono avere obbligatoriamente l’etichetta energetica che permette di capire fin da subito se il prodotto è buono, il consiglio è di orientarsi sempre verso quelle in classe A e superiori, per avere la certezza di aver fatto un buon investimento a lungo termine.

0
26
Like ()