CONFERMATA PER TUTTO IL 2018 LA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% PER IL FOTOVOLTAICO

CONFERMATA PER TUTTO IL 2018 LA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% PER IL FOTOVOLTAICO

L'Agenzia delle entrate con una sua nota ufficiale ha confermato che la detrazione IRPEF del 50% per le ristrutturazioni edilizie generiche può essere applicata anche in caso di installazione di impianti fotovoltaici.

Inoltre la Detrazione fiscale è compatibile con lo Scambio sul Posto e anche con gli impianti fotovoltaici con accumulo.

Di seguito la dichiarazione ufficiale dall'Agenzia delle entrate in merito alla detrazione fiscale pannelli fotovoltaici: "L'installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione dell'energia elettrica rientra nell'agevolazione (detrazione IRPEF del 50%)". La detrazione IRPEF del 50% riguardante le ristrutturazioni edilizie generiche, chiarisce inoltre l'AE, spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali o personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi. "Ha diritto alla detrazione – aggiunge l'ufficio stampa della AE - anche il familiare convivente del possessore o detentore dell'immobile oggetto dell'intervento di ristrutturazione, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture".

Contestualmente alle informazioni rese in merito alla detrazione IRPEF del 50% per le ristrutturazioni edilizie generiche, l'Agenzia delle entrate ha fatto chiarezza sulla possibilità o meno per chi installa impianti fotovoltaici di avvalersi del bonus IRPEF del 65% previsto per la riqualificazione energetica: Il fotovoltaico non rientra tra gli interventi di riqualificazione energetica contemplati dalla legge che ha previsto il bonus in questione.

La percentuale di detrazione fiscale per gli impianti fotovoltaici è pari al 50% per impianti installati fino al 31 DICEMBRE 2018. (Limite di spesa pari a 96.000€)

L’Agenzia delle Entrate sottolinea che per la detrazione in oggetto è necessario che l’impianto fotovoltaico sia installato per soddisfare, principalmente, il fabbisogno energetico dell’abitazione.

Francesco Beni
Francesco Beni
Esperto ed appassionato di risparmio energetico, negli ultimi 11 anni ha dedicato la sua vita alla realizzazione di impianti tecnologici per l'abbattimento delle bollette di Gas e Luce per i propri clienti, sia privati che aziende. Sempre alla ricerca di nuove tecnologie, da 4 anni si dedica anche alla realizzazione impianti di accumulo di corrente con tecnologie agli ioni di litio e all'abbinamento di impianti Fotovoltaici a sistemi automatici di riscaldamento elettrico a pompa di calore.

2 Comments

  1. Luca Zamparelli ha detto:

    Buonasera
    In relazione al piano casa Devo montare obbligatoriamente impianto fotovoltaico da 1,06 kw e mi dicono che non è detraibile al 50% perché abbiamo usufruito di una premialita’ in mq concessa dal comune. Mi sembrerebbe strano ma può fornirmi una delucidazione ?
    La ringrazio
    Luca Zamparelli

    • Francesco Beni ha detto:

      Buonasera Luca

      Gli impianti fotovoltaici sono detraibili al 50% come ristrutturazione dell’impianto elettrico in caso di ristrutturazione o in caso di Piano Casa che non identifichi l’intervento sull’immobile come una “nuova costruzione”. Nelle nuove costruzioni infatti gli impianti fotovoltaici non sono detraibili e generalmente godono di IVA agevolata al 4%.

      Le chiedo quindi: che tipo di intervento ha eseguito sul Suo immobile?

      l’Agenzia delle Entrate ha in passato precisato che i lavori di ampliamento dell’immobile, eseguiti in attuazione del “Piano Casa” (art. 11 del Dl 112/2008), in deroga ai piani regolatori locali, beneficiano degli sconti fiscali del 50% e del 65% alle condizioni generalmente previste per gli interventi di ristrutturazione edilizia. Ciò perché le disposizioni che derogano agli strumenti urbanistici locali, in quanto introdotte da leggi regionali, non possono influire sull’applicazione di prescrizioni di carattere fiscale contenute nelle norme nazionali.

      In particolare, la risoluzione n. 4/E conferma che l’ampliamento di superfici e volumi è detraibile se riguarda la costruzione dei servizi igienici, come già chiarito dalle circolari 57/E e 121/E del 1998.

      Più precisamente, viene chiarito che le detrazioni del 50% e del 65% sono riconosciute pero’ solo in caso di fedele ricostruzione, nel rispetto sia della sagoma che della volumetria preesistenti. Pertanto, in caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento dell’immobile, la detrazione non spetta poiché si identifica una “nuova costruzione”. Se invece si procede alla ristrutturazione senza demolizione dell’immobile e con ampliamento dello stesso, il bonus fiscale compete solo per le spese riferibili alla parte preesistente, poiché l’ampliamento configura una “nuova costruzione”.

      Spero di averLa aiutata con la mia risposta

      Un cordiale saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.